La resilienza è come il vento… E le aziende digitali tengono. Ecco i dati su competenze digitali, mercato del lavoro, retribuzioni ICT

evidenzaIn un contesto di crisi economica conclamata, le 122.608 imprese dell’Information & Communication Technology faticano ma resistono, soprattutto nelle dimensioni che riguardano il Capitale Umano. I dati ufficiali parlano di 539.483 addetti (regolari e atipici) del settore, con un saldo 2013 fra assunzioni e uscite appena negativo sostanzialmente stabile e con retribuzioni che finalmente recuperano potere d’acquisto (impiegati +2,7%, quadri +3,1%, unica eccezione i dirigenti con flessione del -0,2%).

Luci ed ombre che si confermano nei processi interni alle aziende ICT: nel recruitment si lamentano gap di competenze digitali specifiche, sia rispetto al percorso di studio dei neo assunti (48,1% dei rispondenti) sia nella disponibilità di specifiche competenze per Manager e Professional (oltre la metà dei casi); nella fase di valorizzazione spesso mancano processi strutturati di valutazione e carriera, soprattutto nelle piccole imprese, e la formazione subisce da anni tagli di budget consistenti.

In tutto ciò, la Riforma Fornero è al più valutata come ininfluente (58,5% aziende del campione), se non negativa per l’aumento dei costi nella gestione della flessibilità in entrata. (continua…)

Iniziative dedicate alle imprese digitali: 3 ragioni per sostenerle

Sono sempre di più le iniziative dedicate a valorizzare il mondo della nuova impresa digitale o delle start up innovative. Ed è logico, per tre ragioni:

1. Il mercato digitale è in CRESCITA, in controtendenza rispetto al resto dell’economia
2. Il digitale è un driver indispensabile per espandere il business di TUTTE le imprese
3. Expo è dietro l’angolo e con esso la consapevolezza che ora occorre FARE, nonostante tutto.

Quest’ultima è anche la ragione per cui le iniziative che qui vi segnaliamo sono prevalentemente Made in Lombardia, ma ciò non toglie che possono essere colte anche da aziende provenienti da altre sedi. Eccole  (continua…)

Del perché le Start Up sono come i gerani sui balconi.

startup gerani

Contro la desertificazione industriale sbocciano negli ultimi anni migliaia di gerani rossi, che diffondono il profumo dell’innovazione e fanno ben sperare rispetto alla crisi: sono le Start Up, fenomeno diventato alla moda, che Regioni e Comuni mettono sempre più in bella mostra.
Ma come i gerani d’inverno muoiono, così avviene per la metà delle Start up, che non superano i 5 anni di vita.

Quello è il periodo critico.
La maggior parte di loro si pone come finalità la realizzazione del prototipo, che ha a che vedere con la ricerca & sviluppo. Esso invece è solo un mezzo, perché il fine dev’essere un altro: portarlo sul mercato e venderlo. Ecco ciò che le trasforma da laboratori in vere imprese.

Per fare questo servono due cose: competenze strategiche e denari.
Ieri abbiamo parlato proprio di questo in Regione Lombardia, al Tavolo di Lavoro sulle Start Up, in cui c’eravamo anche noi.

(continua…)

Lavori e professioni digitali, come procede il framework europeo e-CF?

lavoro digitale

Entro il 2020 mancheranno in Europa 1.300.000 professionisti ICT.
L’UE si è già mossa per porvi rimedio. A cominciare dalla base: di quali competenze stiamo parlando?

La prima risposta sta nell’e-CF (European e-Competence Framework), il quadro di riferimento europeo di competenze ICT che è entrato come elemento strategico per le competenze digitali, come obiettivo chiave delle politiche della Grand Coalition for Digital Jobs.

Sono diverse le realtà sparse sul continente che promuovono in diversi modi l’utilizzo dell’e-CF. Alcuni esempi?
Euro Disney ha avviato (continua…)

Strategie di un Sognatore

zuckerberg

I “Guru” sono importanti non tanto (e solo) per ciò che fanno, ma per ciò che vedono nel futuro: questa si chiama Vision.
Lo spunto ci arriva dalla presenza del fondatore di Facebook al Mobile World Congress di Barcellona (leggi articolo) e ci fa riflettere non tanto sulle singole idee e i singoli progetti, quanto sulla sua struttura mentale, che è la struttura di un leader. L’argomento è affascinante e fu studiato per la prima volta nel secolo scorso sulla figura di Walt Disney, diventata poi una case study nell’ormai famoso libro di Robert Dilts (Strategie del Genio). La tesi era semplice: Disney era capace di assumere tre personalità in tre “ambienti” diversi, e la loro integrazione portava al successo. Non solo, quella struttura si può apprendere. (continua…)

Valorizza la tua “digitalità”. Come? Candida la tua impresa al Premio Innovazione nei Servizi e al GoToWeb Talent

Le eccellenze digitali italiane sono davvero tante, vanno dalle start up innovative ai progetti futuristici alle innovazioni di processo che fanno funzionare meglio le nostre imprese tradizionali. Spesso, per decollare, serve un trampolino di lancio, che faccia conoscere ciò che facciamo e comunichi così il nostro valore.
Come?

Un’idea potrebbe essere quella di raccontare il proprio successo ad una giuria per concorrere ad un premio: che è prima di tutto un biglietto da visita che porta diffusione del brand, al passaparola, alla lead generation, in breve ad una amplificazione inimmaginabile della propria comunicazione. Oppure quella di partecipare ad un talent in cui trovare investitori che credano nelle nuove idee. Ve ne proponiamo due. (continua…)

Lavoro e formazione digitale: corsi gratuiti e job matching

giovaniLe aziende ICT e Digitali lamentano una carenza di competenze specialistiche, tant’è che è difficile trovare sul mercato sia persone già skillate, sia corsi di formazione che formino in modo mirato il proprio personale. Questo è tanto più vero per chi opera sulla frontiera del digitale, con prodotti, servizi e mercati nuovi e in continua evoluzione. La situazione è spesso paradossale anche dal punto di vista del mercato del lavoro: il gap occupazionale spesso risiede non tanto nella mancanza di posti di lavoro, quanto nell’incapacità di trovare la persona giusta per il posto giusto, e viceversa: un peccato, visto che l’area digitale è in crescita e potrebbe costituire la nostra punta di diamante per un rilancio di un’economia all’avanguardia e competitiva. Ecco due iniziative che vanno in tal senso, a cui AssintelDigitale ha contribuito e che sono da cogliere al volo: un programma gratuito di corsi di formazione specialistica nel digitale e un nuovo portale di job matching ICT. (continua…)

Web Tax, Agicom, Equo compenso: il web sul ring della politica. Quali vincitori?

wwwLa legge di stabilità in questi giorni ha portato alla ribalta 3 questioni che accendono il popolo del web e le imprese digitali (che con il web ci lavorano).
Proviamo a fare un po’ di chiarezza, perchè quando il ring è quello politico è facilissimo che uno strumento di per sé neutro (il web) venga usato per altri fini.
Ecco i tre nodi: la Web Tax, la delibera AGICOM (“ammazza internet”) e il “cosiddetto equo” compenso.  (continua…)

E-Commerce: l’Italia è un Paese emergente. +18% in un anno!

e-commerceMolti dati e tanto ottimismo alla conferenza stampa organizzata da NEXTVALUE con Assintel in casa Confcommerco Milano, per fare il punto sull’E-commerce nel nostro Paese. Che a ben vedere cresce, con numeri di tutto rispetto.

Il fatturato complessivo 2013 è stato di 12 miliardi di Euro, segnando +18% rispetto all’anno precedente. Le cifre sono ancora inferiori ai best performer europei, ma ci stiamo avvicinando al galoppo.

La quota di acquisti online dall’estero aumenta del +23%, con un fatturato (continua…)

Il Consumatore Multicanale

Consumatore Multicanale ForumLa società oggi è connessa, la  maggior parte della popolazione reperisce le informazioni e i consigli per le loro scelte di acquisto dalla  rete e si aspetta di trovare una integrazione con questo tipo di atteggiamento anche nei punti vendita fisici: vuole una realtà che diventa (anche) digitale.
Questa è la sfida del cosiddetto Retail: creare attraverso le tecnologie dei momenti di esperienza sensoriale integrata e multicanale. Il concetto guida è uno e sacro: il consumatore diventa consumATTORE, che agisce su più livelli, in più luoghi e su più device.

In quest’ottica la sfida fra commercio tradizionale ed e-commerce non ha senso di esistere, perchè nella nuova ottica il come e il dove si paga è un di cui. Ciò che importa è (continua…)

1 2 3 4 5